venerdì 16 dicembre 2011

Monti e le liberalizzazioni fallite: commenti a caldo


Un piccolo dibattito su Facebook, dopo un mio post di pura frustrazione per il (momentaneo?) fallimento di Monti sulla liberalizzazione di farmaci e taxi. Vedendo le reazioni, penso che forse il vento sta cambiando; forse si comincia a capire, per la prima volta in Italia, che le liberalizzazioni fanno male a qualche privilegiato e fanno bene a tutti gli altri. Forse.

Oggi butta molto male. La marcia indietro di Monti su taxi e farmacie è un segnale pessimo. Faccio fatica a credere che possa aver fatto una scelta così sbagliata e così negativamente significativa. Se non si inizia a liberalizzare qualcosa, perché mai dovremmo sperare di ricominciare a crescere? Monti sta pensando troppo all'austerità e troppo poco alla crescita, ecco il segnale. Spero in rapide smentite. Cretino non è, qualcosa mi aspetto che succeda, ora. Di positivo.
 ·  ·  · Yesterday at 9:14am

  • 36 people like this

    •  speriamo...!!!
      Yesterday at 9:18am · 

    • Troppi poteri forti...
      Yesterday at 9:19am · 
    • Quante critiche a questa manovra, a questo governo; è vero si poteva fare di più e meglio soprattutto su quei punti che anche tu hai ricordato... ma sono sempre più convinto che se Berlusconi avesse governato la crisi nell' ultimo anno e mezzo non ci saremo trovati in questa situazione, nella quale l' alternativa è il fallimento del sistema...e lui andava a puttane senza rendersi conto che a puttane mandava anche un paese intero ...
      Yesterday at 9:24am · 

    • L'alternativa a Monti potevano essere le elezioni...in meno di un mese dalle dimissioni di Zapatero la Spagna in piena crisi ha avuto il suo governo...sono sempre più convinto che qualcuno ha voluto mandare avanti un governo "tecnico" con finalità meno nobili di quelle che crediamo...ossia tenere i privilegi economici...e ora che si parla di tagli agli stipendi e ai vitalizi ai parlamentari la cosiddetta Casta si ribella...
      Yesterday at 9:29am ·  ·  

    • Oltre a taxi e farmacie occorrerebbe anche liberalizzare la professione di notaio, e magari anche quella forense.
      Yesterday at 9:31am ·  ·  

    • Caro Francesco forse la lobby dei tassisti è troppo forte anche per lui...questi due anni fa fecero approvare un emendamento, quell'1-quater che gli operatori del settore ben conoscono, che limitava l'accesso delle imprese di noleggio con conducente (NCC), gli storici concorrenti dei tassisti. È andata a finire che i vari profili anticoncorrenziali di quella norma hanno suggerito di "congelarla" nonostante le enormi pressioni esercitate dai tassisti. Questo per dare un'idea della forza di questo settore.
      Yesterday at 9:34am · 

    •  Credo che il vero problema del governo Monti sia l'approvazione di queste riforme in parlamento. Qualora avesse potuto renderle esecutive senza porle al vaglio di camera e senato credo avrebbe adottato misure ben diverse.
      Yesterday at 9:37am · 

    •  Proprio così. Monti è un tecnico, ma pur sempre sottoposto al Parlamento, dove ci sono partiti che vogliono far credere ai loro elettori di combattere la manovra. Vedremo in campagna elettorale quanti politici si vanteranno di essere stati tra coloro che si son battuti per evitare questa o quella misura impopolare di Monti
      Yesterday at 9:52am · 

    •  Di politici che si vantano di aver fatto o proposto qualcosa ne vediamo e sentiamo tanti ogni anno...il problema é che spesso si continua a votarli...ci hanno detto che se fossimo andati ad elezioni subito saremmo andati al tracollo e che ci voleva una "guida"...siamo sicuri davvero che la guida non ci stia traghettando verso la recessione? E soprattutto mi sembra evidente che la classe dirigente attuale è inadeguata alla guida del nostro paese? Intendo sia il centro destra che il centro sinistra...per loro andare a nuove elezioni sarebbe significato mostrare a tutti questa inadeguatezza...ecco quindi la soluzione Monti...ed ecco i risultati
      23 hours ago · 

    • a questo punto votiamo in fretta questa finanziaria ed andiamo subito ad elezioni, vorrà dire che la prima legge della nuova maggioranza sarà quella sulle liberalizzazioni
      23 hours ago · 

    •  Magari prima rifacciamo la legge elettorale...
      23 hours ago ·  ·  

    • Confidavo anche io in maggiori segnali positivi a favore della crescita e dello sviluppo delle imprese. Anche l'intervento su IRAP, se verrà confermato, agevola solo in parte e non da la possibilità di riconvertire sul mercato del lavoro anche donne disoccupate di età superiore ai 35 anni o uomini con esperienza profesisonale ma attualmente disoccupati. Si sta facendo troppo poco e se si aumenta solo il costo della benzina, la macchian Italia poi si ferma (non solo metaforicamente).
      23 hours ago · 
    • Ma non sarà per caso che far politica, in fondo, gli stia piacendo?
      23 hours ago · 

    •  Non ha avuto palle di minacciare le dimissioni se non si fossero fatte le liberalizzazioni e altre cosette. O forse ha capito che le avrebbero accettate e si rischiava di andare a gambe all'aria ed ha prevalso un non bel senso di responsabilità. In ogni caso ci perdiamo tutti
      21 hours ago · 

    •  e il pd non ha posto le liberalizzazioni come condizione per il proprio voto a favore
      20 hours ago ·  · 

    •  infatti il comportamento non e' da persona capace ed in grado di vedere oltre la grossa crici del momento,non si puo' pensare a risanare solo i conti .....se non si lascia aperto il portone della continuita' produttiva ed economica del paese,se non si cresce non si guadagna e di conseguenza non si riescono a risanare i conti
      20 hours ago · 
    • Ha detto Monti: «Le resistenze che si incontrano, e per me non sono una novità, quando si vogliono dispiegare le forze delle liberalizzazioni e della concorrenza. Spesso vengono superate non al primo colpo ma con una determinazione tenace. Questo è importante per l'Italia». Mah, speravo meglio.
      19 hours ago ·  ·  
    • Ha detto Mercegaglia: «Chiedo al governo - dice la presidente degli industriali - di ripristinare le liberalizzazioni ipotizzate nel primo disegno su farmacie e tassisti». Questo mi piace!
      19 hours ago ·  · 

    • Ci vuole un atto di coraggio, ma a quanto pare....infondo nulla è cambiato. Spero che Monti non ci deluda ulteriormente, perchè una riforma così la potevamo fare anche noi, non c'era bisogno nè di esperti, nè di persone non ricattabili. E' l'ennesima occasione persa
      19 hours ago · 

    • va bene che sono parte in causa,ma cosa vi fa credere che dare alle coop i farmaci di fascia c faccia ripartire l'economia?e il gasolio che è aumentato di 20 centesimi per via delle accise va bene?Forse spendiamo un pò di più dal benzinaio piuttosto che in farmacia! E che anche le coop paghino le tasse come gli altri!
      18 hours ago · 
    • Capisco e rispetto il tuo punto di vista, che ovviamente non condivido. L'Italia ha bisogno di maggiore concorrenza ovunque (università compresa). Se Monti si ferma di fronte a legittimi lobbismi in difesa di interesi non generali, è finita: nessuno avrà più fiducia nella capacità di crescere del nostro Paese.
      14 hours ago · 

    • Caro Francesco, condivido la tua posizione e ritengo che sia necessario dare segnali forti sulla crescita, intervenendo tra l'altro su costo del lavoro e cuneo fiscale. Continuo a non capire le affermazioni sull'ICI delle sedi sindacali dato che non esiste alcuna deroga e vengono pagate regolarmente da tutti i sindacati, naturalmente insieme all'IRES e a qualsiasi altra imposizione sulle proprietà immobiliari.
      13 hours ago · 

    • Dovremmo allora eliminare tutte le posizioni intoccabili:dai professori universitari che una volta fatto il concorso sono inamovibili,ai magistrati che fanno carriera automaticamente ed arrivano ad avere emolumenti da 300.000 euro,a tutti i lavoratori a tempo indeterminato che non dovrebbero più essere tali ma stare nel libero mercato!!!!Se vogliamo la concorrenza a tutti i costi....
      12 hours ago · 
    • Sai che c'è Candida? Sottoscrivo tutto. Infatti da un sacco di tempo sono un fan della proposta di Pietro Ichino sulla flexecurity. E nel mio piccolo da prorettore non do più fondi per la ricerca ai prof che ricerca non ne fanno. E il giorno che ci renderanno licenziabili, ben venga.
      11 hours ago · 

    • Non capisco perche' sui redditi medio bassi e comunque sulla massa dei contribuenti, si sia usata la scure,mentre si e' molto timidi o indecisi sulle liberalizzazioni. Appunto, dove sta' la crescita?
      9 hours ago · 

    • E occorrerebbe anche introdurre il divieto, per medici, ingegneri e altre figure professionali, di svolgere due o più attività lavorative contemporaneamente, tipo avere uno studio prof. privato e nello stesso tempo essere dipendenti di un'ente, o di una A.S.L. etc..
      Anche perchè ad altre figure professionali (x es varie categorie di impiegati statali, funzionari ministeriali, forse diplomatici e altri) è fatto divieto, per legge, essere iscritti a Albi prof., avere Partita IVA, espletare incarichi di consulenza, credo anche insegnare di ruolo, e cmq svolgere varie attività contemporaneamente.
      E non si capisce questa differenza.
      Con tale divieto del doppio lavoro si libererebbero impieghi stabili e incarichi per altre figure prof., e ciò secondo me determinerebbe una positiva espansione economico-commerciale (dovuta in parte anche a fattori psicologici), prima specialmente interna, poi con evidenti riflessi positivi nei rapporti economici con l'esterno.
      Infatti a mio parere una espansione economica non si può innescare se nella società i beni, i redditi, impieghi etc.. sono troppo concentrati in una minoranza dei componenti della società (e le liberalizzazioni citate potrebbero aiutare a riequilibrare tali disparità).
      about an hour ago ·