domenica 27 ottobre 2013

MA DAVVERO ANCHE IL FMI VUOLE UNA PATRIMONIALE?

Nei giorni scorso avevo letto una notizia per me fastidiosa: il Fondo Monetario Internazionale suggerisce una patrimoniale una tantum per ridurre il debito pubblico italiano! E De Benedetti subito a rilanciare: "Lo dico da sempre, ci vuole una patrimoniale". E La Camusso immaginatevi che contentezza. Io che in questo blog ho cercato in varie occasioni di spiegare perché invece la patrimoniale secca, una botta forte e via, *non* è una soluzione seria, ho rischiato di rimanerci male. Una cosa è criticare la Camusso, un'altra è trovarsi contro il FMI. Fortuna che poi è arrivato Sandro Brusco a mettere in chiaro le cose. Ecco qua. Buona lettura. (FP)

Questa è una storia divertente. Al Corriere a un certo punto hanno letto il seguente boxino tratto dal numero di Fiscal Monitor del Fondo Monetario di ottobre e non hanno capito niente. Pur nel solito linguaggio asettico del FMI, è abbastanza chiaro lo scetticismo di chi ha scritto il boxino verso ipotesi di patrimoniali una tantum per riportare il debito ai livelli pre-crisi. Segnala infatti che la cosa ha senso solo se attuata di sorpresa (la popolazione non deve essere in grado di evitarla spostando o occultando i capitali) e se la popolazione è convinta che non verrà ripetuta, altrimenti il disincentivo all'accumulo di ricchezza diventa evidente. Dice inoltre che l'evidenza empirica (vecchiotta, fa riferimento a un paper di Eichengreen del 1990) mostra che di solito queste tasse non funzionano. Conclude osservando che in ogni caso il livello della tassa dovrebbe essere altissimo, 10% della ricchezza netta. Vuol dire che un pensionato che ha un appartamento che vale 150 mila euro dovrebbe pagare 15 mila euro, tipicamente più di un anno di pensione. Cosa capiscono al Corriere? Che il Fondo Monetario sta proponendo una patrimoniale del 10%! La chiamano pure ''proposta choc del FMI''. 

La fine della storia è che qualcuno che legge l'italiano deve aver segnalato il titolo al FMI, dove dopo il consueto salto sulla sedia si sono affrettati a chiedere una chiarificazione. Come detto all'inizio, storia divertente. O preoccupante, ma è sempre meglio essere ottimisti. 
[Da NoisefromAmerika]
_____________________________________

Altri articoli sulla patrimoniale in questo blog:
Francesco Pigliaru.: Patrimoniale: un errore anche parlarne
13 Nov 2012
Un breve promemoria sulla patrimoniale, che tornerà all'ordine del giorno dopo le prossime elezioni. Per molti, la patrimoniale è la scorciatoia per risolvere il problema del debito pubblico: un bel prelievo una tantum da chi ha ...
31 Gen 2011
Il Pd sembra inventarne ogni giorno una nuova per rendere la sua proposta politica debole e improbabile. Veltroni ha sposato l'idea di una "patrimoniale" per ridurre il debito pubblico. Una idea perfetta per dare ossigeno a ...
14 Nov 2011
Una caratteristica distintiva del programma della grande coalizione che speriamo nasca in Parlamento dovrà essere l'equità delle riforme contemplate. Maggiore sarà l'equità, più accettabili saranno quelle riforme ai cittadini.